Filippo Coltro architetto

Ristrutturazione di un rustico

Sulle colline Padovane un anonimo casale risalente ai primi del ‘900 è stato ristrutturato all’insegna della semplicità e della tradizione  campestre. Il committente desiderava una casa circondata dalla natura, dove poter trascorrere lunghi  fine settimana in completo relax e dove poter ricevere gli amici e la numerosa famiglia.

Caratteristiche del progetto

• recupero di tutti gli elementi originari della casa, manomessa  negli anni passati;
• valorizzazione del carattere rurale;
• utilizzo di materiali locali ed elementi recuperati;
• riqualificazione degli interni attraverso un processo di arredamento, volto alla conservazione della suggestione agreste;
• utilizzo mirato della luce, che legata ai colori caldi delle pareti crea indescrivibili uggestioni.

Intervento

La distribuzione della casa ha conservato lo spirito della costruzione originale: zona giorno e conviviale al piano inferiore, mentre il reparto notte si sviluppa nel piano superiore.
Tutti i mobili rustici, rovinati e anonimi, presenti nella casa sono stati utilizzati per riarredare gli interni, prima però sono stati sottoposti ad un’attività di restauro, che li ha trasformati in pezzi unici dal peculiare fascino caratteristico.

Il giardino avvolge la casa ed è decorato con piante da fiore, da frutto e altri  sempre verdi. Anche per gli esterni si è applicato il criterio volto a conservare l’aspetto originale per favorire un’integrazione armonica con natura.

Carenti di steccati, i confini si percepiscono appena, indicati semplicemente da cespugli autoctoni, il cui fine, piuttosto che delimitare la tenuta, è conferire una certa intimità.

Gestione volumi

La distribuzione è rimasta pressoché invariata anche se da una sala, utilizzata in precedenza come magazzino si è ricavata una cantina molto suggestiva e dal disimpegno che collega i due piani si è ottenuto una sorta di studio.

Strutture e impianti

L'edificio, costruito e modificato in epoche differenti, si presentava in discreto stato di conservazione per quanto concerne la parte esterna; gli interni necessitavano invece di lavori strutturali ed impiantistici. Si è proceduti al consolidamento dei solai che risultavano sottodimensionati, alla realizzazione di rifodere perimetrali per l'isolamento delle pareti, alla verifica e consolidamento delle travi della copertura.

Alle questioni di carattere strutturale si è aggiunta la necessità di ricavare nuovi servizi igienici, la centrale termica, l'integrazione e l'adeguamento degli impianti e l’isolamento termico dell’edificio.
Si è eseguito un attento lavoro di recupero di tutti gli elementi originari della casa, manomessa negli anni passati, restituendo e valorizzando  i suoi caratteri originari; si sono impiegati materiali locali ed elementi recuperati.

La distribuzione della casa ha conservato lo spirito della costruzione originale: zona giorno e i servizi si trovano al piano inferiore, mentre le camere da letto con relativo servizio igienico sono distribuite al piano superiore.

Cucina_arco.jpg
Primo piano della cucina con il grande camino recuperato.  Sullo sfondo si noti l’apertura di una nuova finestra per dare maggiore luminosità alla stanza.

Cucina.jpg
Vista della  cucina con il grande bancone in muratura rivestito di formelle di cotto fatte a mano e smaltate. Sullo sfondo la scala in legno che conduce al piano superiore.


                    vedi il lavoro >>


              

 vedi il lavoro >>


Ristrutturazione_rustico.jpg
L'esterno del rustico, prima e dopo l'intervento di ristrutturazione.

Soggiorno.jpg
Il soggiorno dopo la ristrutturazione visto attraverso il grande arco in pietra.

Cantiere_cucina.jpg
La cucina in muratura durante la fase di cantiere.  Si noti la grossa trave “rompitratta” inserita per rinforzare il solaio.

Soppalco.jpg
Il soppalco dove trova posto lo studio. Pareti in calce color rosso; le travature del tetto sono state dipinte di bianco.

Cucina_prima.jpg
La cucina prima della ristrutturazione.

Bagno.jpg
Il bagno dopo la ristrutturazione; in primo piano la porta realizzata su disegno dell’architetto.