Direzione lavori

01/01/2017 - In seguito all'iter progettuale, l'architetto è chiamato ad occuparsi della direzione dei lavori, ovvero di tutte della gestione della fase di cantiere, coordinando le aziende  fino al completamento e consegna dell'opera.

A cosa serve la Direzione Lavori:

  • dirigere e controllare le imprese appaltatrici
  • verificare la contabilità per conto del committente
  • verificare che i lavori siano eseguiti a regola d'arte
  • coordinare le imprese coinvolte nel cantiere

Il Direttore dei Lavori risulta quindi il garante della bontà dei lavori eseguiti, del rispetto degli adempimenti relativi alla sicurezza in cantiere nonché di coordinare le numerose figure coinvolte nel processo costruttivo; è dunque la figura chiave che contribuisce a determinare la qualità dell'opera da eseguire nell'interesse del Committente.

La Direzione Lavori e le attività connesse rappresentano la fase seguente a quella della progettazione e delle autorizzazioni amministrative relativa al compimento dell’opera.

Il direttore dei lavori si occupa di dirigere le imprese appaltatrici sorvegliando e verificando che eseguano nei tempi previsti i lavori previsti dal contratto.
È utile ricordare come il Direttore dei Lavori durante questa fase è l’unica figura di riferimento capace di tutelare gli interessi del Committente sotto l’aspetto tecnico e, soprattutto, dal punto di vista economico risultando dunque il “controllore” delle imprese.
Hai in mente un nuovo progetto? Contattami