Arredare casa in stile minimal

26/07/2018 - L'arredo minimal predilige forme essenziali, colori neutri e la quasi totale assenza di elementi decorativi. Arredare in stile minimal significa estremizzare la purezza della luce, lasciando anche delle zone vuote ma cariche d'atmosfera. Vediamo insieme come arredare una casa in stile minimal.

Le origini dello stile minimal

Si dice che lo stile minimal sia nato negli anni 60, più o meno nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale, quando la popolazione aveva perso tutto, o quasi, e si trovò costretta a vivere con meno cose. Chiaramente nel corso degli anni la corrente minimalista si è evoluta e adesso il concetto portante dello stile minimalista è "less is more". Questo però non significa svuotare casa da mobili o complementi d'arrendo, piuttosto consiste nel trovare l'equilibrio perfetto tra funzionalità ed estetica, attraverso arredi di design ed un uso sapiente dei materiali.

Come arredare il soggiorno in stile minimal

In generale, nel progettare il soggiorno, il colore predominante di questo stile è il bianco. Un soggiorno total white, con arredi altrettanto bianchi o dai colori neutri, conferisce all'ambiente un'eleganza senza paragoni. Se non si vuole rinunciare ad un tocco di colore mantenendo comunque uno stile minimal, è possibile posizionare delle piante verdi vicino alle finestre o portefinestre. Il risultato sarà sicuramente di grande effetto. Il divano sarà uno solo, possibilmente grande e privo di fronzoli, dalle linee squadrate e in tessuto neutro.

Il bagno in stile minimal

Se pensate che il bagno non sia adatto ad uno stile minimalista, vi sbagliate. Anzi, arredarlo e conferirgli un tocco di raffinatezza è davvero semplice. Un consiglio? utilizzate il marmo, un materiale "lussuoso" per natura, o delle piastrelle in gres porcellanato. Anche i sanitari dovranno fare la loro parte e avere forme geometriche lineari, possibilmente squadrate. Colori in bagno da prediligere? bianco, grigio chiaro, beige.

La cucina minimalista

Partiamo dalle pareti: tonalità fredde e tinta unita. Pochi complementi d'arredo, al massimo un elegante e moderno orologio da parete, colorato, di dimensioni medie. I mobili meglio se lucidi o laccati, caratterizzati da linee spigolose e dritte. Nel progettare la cucina, per quanto riguarda il piano cottura, il lavello, il frigo e la cappa andranno bene in acciaio. Il tavolo rigorosamente in vetro e le sedie in pelle bianca. Per illuminare l'ambiente in stile minimal, l'ideale è una luce fredda proveniente da una piantana o da un lampadario a sospensione. Si può osare con delle tende colorate, ma non a fantasia. In alternativa, è meglio orientarsi su veneziane sempre di colore chiaro.

Consigli pratici

Abbiamo già detto di prediligere, ove possibile, colori tenui e chiari, quali il bianco, il panna, il beige o il grigio chiaro. Un ulteriore consiglio è quello di arredare con poco, quindi pochi mobili ma di qualità. Per quanto riguarda i materiali da utilizzare, orientatevi su quelli di ultima generazione come la resina, il metallo, l'Okite o il Corian, facili da pulire e resistenti. Assicuratevi che la casa sia sempre ben illuminata, specialmente di giorno. Sì alle luci bianche, fredde, ai faretti o alle lampade disposte in punti strategici per illuminare ogni singolo angolo della vostra abitazione. Non eccedere con i complementi d'arredo, con i soprammobili o suppellettili vari. Preferire, piuttosto, quadri con scritte, fotografie, poster o piante. Infine, i pavimenti: legno, resina, cemento e microtopping.
Ricevi le mie news in anteprima
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
*Autorizzo il trattamento dei dati personali Privacy Policy
Hai in mente un nuovo progetto? Contattami