Poltrona Barcelona di Mies Van der Rohe

26/03/2020 - La poltrona Barcelona di Mies Van de Rohe è stata progettata nel 1929 per l’Esposizione Universale di Barcelona nel 1929, per il padiglione tedesco (progettato sempre da Mies).

Il design della poltrona Barcelona

Il suo design risulta attuale, senza tempo e ancora versatile. L'architetto voleva realizzare una seduta comoda, degna del Re e della Regina di Spagna e si ispirò alle sedute dell'Antica Roma.
La seduta Bracelona nacque dall'estro dell'architetto Mies Van de Rohe e si racconta che la sua progettazione fu in parte condizionata dalla situazione economica incerta e da limitazioni temporali, essendogli stato affidato l’incarico in ritardo.
Il risultato però è ancora degno di nota e lo stesso progetto fu prodotto, su concessione esclusiva dell'architetto, dal 1953 dalla ditta americana di mobili Knoll.

La struttura di Barcelona è in acciao cromato e lucidato a mano per ottenere l'effetto specchio e il rivestimento in pelle total black sono artigianali al 100%, almeno nella produzione di Knoll. Infine le cinghie che supportano i cuscini alla struttura sono rivestite con la stessa pelle utilizzata per il rivestimento delle imbottiture.
Le impunture creano una sorta di reticolo di quadrati in serie molto raffinato e dal gusto austero e dal mood tedesco tipico del '900.

La poltrona Barcelona di Mies van de Rohe oggi

Oggi la poltrona Barcelona di Mies Van de Rohe è ancora attuale, utilizzata soprattutto nelle sale d'attesa di classe o negli uffici e loft più moderni e curati. La si può trovare con facilità in commercio e, essendo decaduto il brevetto, sono attualmente diverse le aziende internazionali a produrla.

Ovviamente ogni ditta utilizza propri materiali e finiture, per questo si consiglia di prediligere il Made in Italy e la produzione artigianale, anche in parte, perché assicura una replica più fedele all'originale e rappresenta un arredo iconico più durevole e di valore.
Hai in mente un nuovo progetto? Contattami