Ristrutturazione della seconda casa: interventi necessari e stili da utilizzare

18/03/2021 - Vuoi saperne di più sulla ristrutturazione della seconda casa? Sei nel posto giusto e hai già trovato il professionista che fa per te. Sì, la scelta dell'Architetto giusto non può essere casuale, ma è determinante per la buona riuscita del progetto, per trasformare in realtà la casa dei tuoi sogni.

Qui scoprirai tutto ciò che c'è da sapere riguardo alla ristrutturazione, agevolazioni, stili d'arredo ideali, dettagli pratici dei lavori e del progetto, ecc.
Leggi la mia guida e inizia a pensare alla tua nuova dimora scoprendo nel dettaglio:
  1. Quando e perché ristrutturare la seconda casa
  2. Gli interventi di ristrutturazione necessari
  3. Il ruolo dell'architetto giusto nella ristrutturazione
  4. Gli stili giusti per la ristrutturazione della seconda casa

Quando e perché ristrutturare la seconda casa

La ristrutturazione della seconda casa è molto importante, al di là del valore, della metratura, dello stile del caseggiato. Infatti mantenendo in rodine l'immobile questo non perderà valore, sarà utilizzabile a tuo piacere e resterà intatto e bello nel tempo. In particolare gli interventi di ristrutturazione, di piccola, media o ampia identità, sono da effettuarsi:
  • quando si evidenziano danni visivi alle strutture e ai rivestimenti;
  • quando si evidenziano danni tecnici o visivi agli impianti;
  • quando la casa è disabitata da diversi anni o datata;
  • quando si vuole affittare o vivere la casa in modo comodo e sano;
  • quando la si vuole vendere e presentare al massimo delle sue possibilità scegliendo ovviamente interventi che non incidano negativamente sul prezzo finale di vendita;
  • quando è possibile risparmiare sugli interventi grazie ad agevolazioni statali come l'Ecobonus 110%.
Sicuramente un bravo architetto, specializzato in ristrutturazioni, saprà dirti nel dettaglio se il tuo caseggiato necessita di determinati interventi conservativi al di là dell'epoca di costruzione. Saprà darti informazioni dettagliate sui bonus statali e inoltre potrà suggerirti interventi ordinari o straordinari che trasformino la tua seconda casa in abitazione dei tuoi sogni.

Gli interventi di ristrutturazione necessari

Ci sono interventi per ristrutturare casa definiti standard, cioè tra i più comuni attuati nelle abitazioni più eterogenee come ad esempio:
  • il riassetto interno, cioè la riorganizzazione delle stanze delle aree funzionali;
  • il rifacimento del tetto;
  • l'ammodernamento o rifacimento degli impianti;
  • la sostituzione degli infissi;
  • la realizzazione di cappotti o sistemi di isolamento termico ed acustico più moderni ed efficienti;
  • il rifacimento o ammodernamento delle pavimentazioni esistenti;
  • le tinteggiature e l'eliminazione o sostituzione delle vecchie carte da parati;
  • il rifacimento degli arredi e dell'intero interior design;
  • il rifacimento della facciata e dei balconi e terrazzi;
  • il riordino e la riorganizzazione degli spazi outdoor e del garden design.



Per quanto riguarda ad esempio le ville d'epoca Liberty ad esempio si potrà parlare anche di rifacimento degli affreschi parietali, di ristrutturazione delle decorazioni murali esterne, del bugnato, delle lesene e di altri elementi tipici dell'epoca. Ovviamente se si vorrà mantenere questo stile e se la dimora è sotto i dettami della sovraintendenza delle Belle Arti.

Il ruolo dell'architetto giusto nella ristrutturazione

Perché vale la pena scegliere il giusto architetto per la ristrutturazione della tua seconda casa? Le motivazioni sono molteplici, ad esempio un architetto specializzato:
  • potrà portarti a risparmiare scegliendo bonus statali adeguati;
  • realizzerà per te un progetto che risponda al meglio alle tue esigenze pratiche, funzionali ed estetiche;
  • si occuperà della progettazione, delle pratiche burocratiche e dei lavori consegnandoti un progetto chiavi in mano;
  • sceglierà per te solo gli interventi necessari e adeguati allo stile dell'immobile;
  • troverà per te le soluzioni migliori in termini di rispetto del tuo budget, a livello stilistico e tecnologico;
  • ti fornirà diverse alternative al fine di raggiungere l'eccellenza progettuale ed esaudire i tuoi desideri abitativi;
  • ti proporrà soluzioni all'avanguardia sia in termini strutturali e tecnici che estetici e d'arredo sfruttando il coinvolgimento di altri professionisti specializzati e suoi partner di fiducia;
  • ti terrà sempre in considerazione per l'approvazione finale delle opere già in fase di progetto.
Spesso si hanno dubbi e preoccupazioni quando ci si imbarca in una ristrutturazione della seconda casa, in interventi comunque onerosi e più o meno costosi, anche per questo è imprescindibile farsi affiancare da un professionista specializzato e con il quale si possa instaurare un rapporto di fiducia e stima reciproca autentica.



Gli stili giusti per la ristrutturazione della seconda casa

Anche per quanto riguarda lo stile giusto della seconda casa un architetto specializzato è la scelta migliore. Questo saprà ad esempio guidarti nella scelta passo passo dei rivestimenti, degli arredi e con lui potrai valutare la possibilità di restaurane alcuni, magari quelli più di valore, o quelli ai quali ti sei affezionato.

Unire elementi vintage ad altri molto moderni non è sempre facile e serve un professionista che abbia una spiccata sensibilità creativa e grande senso estetico, ma anche pratico e funzionale. Serve pure un pizzico di coraggio nell'azzardare accostamenti, composizioni spaziali di mobili e complementi e sicuramente un abile architetto è ciò che ti serve. Ecco alcuni esempi di stili d'arredo che possono dare nuova luce ad una seconda casa da ristrutturare; ovviamente andranno calibrati ad hoc, mitigati o inseriti in contesti già stilisticamente definiti.
  • lo stile nordico o scandinavo, caratterizzato da mobili e complementi in legno chiaro non trattato e assetto minimale;
  • lo stile moderno o minimale, con arredi geometrici e dalle linee essenziali, pulite, semplici;
  • lo stile industriale, caratterizzato da arredi vintage in ferro battuto, legno, rivestimenti corten e di richiamo appunto industriale anni '50 e '70;
  • lo stile eclettico, miscellanea di declinazioni ed influenze ideale per ristrutturazioni carismatiche e dinamiche che mixano nuovo e retrò.

Filippo Coltro
Filippo Coltro
Architetto e interior designer sono specializzato nella progettazione d'interni di residenze private.
Ho firmato progetti in tutto il mondo, da Hong Kong a Milano, da Padova a Venezia, tutti contraddistinti da una progettualità ricercata, attenta al particolare e alla tradizione, che sa coniugare il gusto della memoria estetica con quello della contemporaneità.
POST CORRELATI
15 apr 2020 Idee per ristrutturare casa

Trova tante utili idee per la ristrutturazione della tua casa…

Leggi articolo
11 mag 2019 Ristrutturazione casa prima e dopo

Scopri come è possibile trasformare una casa vedendo il prima e il dopo l’intervento di ristrutturazione…

Leggi articolo
Hai in mente un nuovo progetto? Contattami