Ristrutturazione interni: tutto quello che devi conoscere

05/11/2021 - Cosa vuol dire ristrutturare gli interni? Scopri qui tutto quello che serve sapere prima di intraprendere un restyling degli interni, sugli stili d'arredo, sui preventivi, sulla scelta dell'architetto e dell'impresa.



Cosa si intende per ristrutturazione interna?


 La ristrutturazione interna di un edificio, in particolare di un'abitazione, è un intervento che mira a rivedere e ottimizzare gli spazi interni.

Quindi, a seconda dei casi, potresti trovarti a dover riorganizzare le aree funzionali e a rivedere, riprogettare, la distribuzione delle stanze. In altri casi dovrai solo  rifare gli impianti, i rivestimenti, cambiarli, scegliere tutti gli arredi e i complementi.

Insomma, la ristrutturazione interna è variabile ma ciò che non cambia è il fatto che si procede solo sull'abitazione nel suo interno, nel suo cuore pulsante. Questo però non significa non prendere in considerazione anche l'area outdoor. Per esempio dovrai tenere presente lo stile dell'immobile, evidente anche e soprattutto all'esterno, la sua ubicazione, l'esposizione al sole, l'isolamento, le aree esterne come giardino.

Certamente tutto il lavoro tecnico è compito dell'architetto e dell'impresa edile che svolgerà la ristrutturazione interna, ma è bene che tu sia preparato, quindi segui la nostra guida e vedrai che ti godrai ancora di più tutti i lavori per trasformare la tua casa.


Ristrutturazione interni: 5 step fondamentali


Prima di intraprendere una ristrutturazione di interni è necessario farti un'idea delle spese che dovrai sostenere, conoscere gli aspetti burocratici e avere ben chiaro il risultato finale che vuoi raggiungere.

Queste e altre considerazioni preliminari le puoi fare insieme al tuo architetto di fiducia, ma qui vogliamo darti qualche dritta preventiva così che tu possa comprendere al meglio tutti gli step progettuali e realizzativi.

Scegliere lo stile giusto

Uno step fondamentale per quanto riguarda la ristrutturazione interna, di un edificio o di un appartamento, è la scelta dello stile d'arredo. Se per gli esterni è bene restare per lo più fedeli al mood originare dello stabile, negli interni avrai senza dubbio più libertà.

Questo perché più che l'estetica è bene realizzare spazi che siano fruibili, pratici e che possano assolvere al meglio a tutte le tue esigenze. Grazie soprattutto alle abilità e conoscenze dell'architetto potrai far creare ambienti su misura e che magari superino pure le tue aspettative.

Per non essere impreparato in vista dell'incontro preliminare con il progettista potresti sfogliare riviste del settore, dare un'occhiata al blog e sito del tuo architetto, farti ispirare da ciò che trovi sul web per individuare lo stile giusto per gli interni di casa.
Spesso un bravo architetto può partire ad elaborare degli interni ad hoc da un tuo colore preferito, da due o tre materiali che vuoi assolutamente avere in casa.


Scegliere l’architetto

Per effettuare la ristrutturazione degli interni del tuo immobile è necessario l'affiancamento di un architetto professionista. Quello giusto sarà colui che ti ispirerà fiducia, che sarà sulla tua stessa linea d'onda a livello stilistico, e che potrà soddisfare al meglio ogni tua esigenza pratica ed estetica.

Non solo, un bravo architetto saprà consigliarti, assolvere a tutte le pratiche burocratiche e anche suggerirti come risparmiare sfruttando i bonus oggi in vigore a livello edilizio.

Ecco qualche trucco per scegliere l'architetto più giusto per te:
  • visionare online o dal vivo qualche sua ristrutturazione di interni;
  • conoscerlo di persona per vedere se può piacerti come professionista e come persona;
  • chiedere un preventivo senza impegno e confrontarlo eventualmente con quello di altri.

Definire il progetto di ristrutturazione

Un progetto dettagliato di ristrutturazione di interni serve a:
  • farti capire, anche visivamente, l'effetto ristrutturazione prima e dopo;
  • sottoporlo all'impresa e ai professionisti artigiani e non che dovranno svolgere i lavori, anche preventivamente per valutare i costi;
  • avviare le pratiche burocratiche inerenti.
Il progetto degli interni sarà compito del tuo architetto di fiducia ed è bene che tu, prima che lui operi e ti faccia varie proposte, comunichi quali siano le tue esigenze, a livello stilistico, cromatico, di disposizione degli spazi. Tutta la parte e gira attorno al progetto e per questo è uno degli step cardine della ristrutturazione interna.

Richiedere i preventivi per la ristrutturazione

Il preventivo per la ristrutturazione di interni racchiude tutti i costi necessari ai lavori di interesse. Quindi potrebbe, e dovrebbe, contenere:
  • la parcella dell'architetto e di eventuali altri professionisti interpellati;
  • il computo metrico che raccoglie tutti i materiali e le quantità necessarie allo svolgimento dei lavori edili;
  • costo orario degli operai per opere in economia;
  • eventuale costo di occupazione di suolo pubblico;
  • spese legate alle pratiche burocratiche, marche da bollo, servizi di segreteria, ecc.
  • costo di arredi e complementi da acquistare e inserire indoor.
Con un bravo architetto potrai decidere di scegliere un progetto di ristrutturazione chiavi in mano nel quale saranno compresi tutti i lavori, i materiali, le pratiche burocratiche e tu avrai solo il prezzo finale della ristrutturazione da visionare.

Ci penserà l'architetto a mediare sui prezzi, a far sì che tu possa aver sconti, ecc. Avrai una dimora pronta all'uso e dovrai solo scegliere ciò che ti piace di più soprattutto in fase progettuale.

Scegliere l’impresa e i fornitori

Se non conosci un'impresa edile di fiducia non devi preoccuparti, sarà il tuo architetto ad interpellare quella giusta.

Il professionista infatti ha a disposizione un'ampia rosa di collaboratori e sceglierà per te sempre quelli più adatti a svolgere determinate ristrutturazioni interne. Potrebbero anche dover intervenire decoratori esterni all'impresa, pittori per ripristinare affreschi, oppure falegnami specializzati in restauro conservativo, ecc.

Nella ristrutturazione degli interni la scelta dell'impresa edile e dei fornitori delle opere di finitura è di fondamentale importanza per la buona riuscita dei lavori. Esperienza e professionalità ti garantiscono infatti che tutto venga svolto nei tempi previsti nel rispetto del budget.

L'architetto saprà sempre come coordinare i lavori e ti sottoporrà ovviamente i dettagli di ogni step.


Ristrutturazione interni casa: quali permessi chiedere?

 
Per effettuare la ristrutturazione di interni del tuo appartamento o casa potrebbe essere necessario richiedere l’autorizzazione al Comune. Ho scritto potrebbe perché l’obbligo di presentare una pratica edilizia presso lo sportello unico per l’edilizia dipende dal tipo di intervento che si andrà ad effettuare:

  1. per opere di manutenzione ordinaria non è necessario richiedere alcuna autorizzazione;
  2. per opere di manutenzione straordinaria, dipende dal tipo d’intervento e dal Comune;
  3. per opere di ristrutturazione è sempre necessario presentare un progetto con opportuna documentazione.

Per verificare se devi presentare o no una pratica edilizia per ottenere il necessario titolo abilitativo puoi consultare il glossario edilizia libera dove trovi specificato voce per voce tutte le opere che non richiedono alcuna autorizzazione.

Il progetto da allegare per ottenere le dovute autorizzazioni, dovrà essere firmato da un professionista abilitato, e presentato presso lo sportello unico per l’Edilizia del Comune, prima di iniziare i lavori di ristrutturazione.

In funzione della tipologia di intervento da effettuare l’architetto si occuperà di redigere la pratica edilizia necessaria ad ottenere l’opportuno titolo edilizio.
  • Cila (Comunicazione di inizio lavori asseverata);
  • Scia (Segnalazione certificata di inizio attività.
Mi limito a citare le pratiche edilizie, senza approfondirle in quanto argomento molto tecnico, delle quali si farà carico l’architetto che deciderai di incaricare per la tua ristrutturazione di interni.

Prima che inizino i lavori di ristrutturazione, ove necessario si dovranno presentare i seguenti documenti:
  • comunicazione di Inizio Lavori da presentare presso il comune allegando i documenti necessari;
  • comunicazione di inizio lavori  (notifica preliminare) sia all’Azienda Sanitaria Locale che all’Ispettorato del Lavoro.
  
IMPORTANTE: anche per interventi che non richiedono alcuna comunicazione al Comune non dimenticare di inviare la notifica preliminare e agli organi competenti per non rischiare di perdere il diritto ai bonus ristrutturazioni in caso di verifiche da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Lavori necessari per ristrutturare gli interni


Quali sono i principali lavori che dovrai eseguire per ristrutturare gli interni di casa? Fino a questo momento ti sei reso conto di quali sono gli step da seguire, di seguito ti elenco gli interventi principali che generalmente si rendono necessari:
  • demolizioni e smaltimento dei materiali di risulta;
  • opere edili di ricostruzione;
  • realizzazione degli impianti;
  • opere edili di copertura impianti (massetti e intonaci);
  • installazione serramenti esterni;
  • posa dei rivestimenti e completamento impianti;
  • opere di finitura;
  • arredare gli interni.
Per un’analisi puntuale sui lavori necessari e per redigere un computo metrico che descriva nel dettaglio le lavorazioni ti consiglio di rivolgerti ad un architetto di tua fiducia.

Ristrutturazione interni: il bagno


Nella ristrutturazione di interni è il rifacimento del bagno uno degli step quasi sempre presenti.

Sì, perché questa stanza è tra le più utilizzate della casa, quindi tra le più soggette ad usura ed è composta non solo da arredi e rivestimenti ma pure da impianti e tubature che è bene siano in ordine e funzionanti al meglio.

Il primo passo per effettuare una ristrutturazione del bagno riguarda proprio la valutazione dello stato degli impianti e delle tubature, nonché dei sanitari. Questi ultimi vengono quasi sempre cambiati dopo qualche decade e possono fare la differenza nel mood complessivo della toilette.

Anche solo per una singola stanza, come appunto il bagno, il progetto risulta indispensabile per rendere più fruibile, confortevole e bello lo spazio.
L'architetto si servirà non solo delle sue conoscenze tecniche, ma anche del suo stile, del suo estro e saprà fornirti soluzioni che forse nemmeno avevi immaginato per un bagno moderno.

Alleati dei professionisti per la ristrutturazione dei bagno sono pure le nuove tecnologie e gli arredi all'avanguardia come i rubinetti e i WC che permettono un notevole risparmio d'acqua. Non solo, la ristrutturazione interna del bagno può davvero farti esclamare: wow! Sì, perché oggi le toilette possono diventare vere spa domestiche con tanto di docce emozionali, con cromoterapia e aromaterapia, con getti idromassaggio e pure con carte da parati o materiali degni di un hammam di lusso.


Costi per ristrutturazione interni di casa


Quanto costa ristrutturare gli interni di casa? Per stimare il costo della ristrutturazione è necessario avere ben chiaro che lavori si intendono eseguire, e per far questo è opportuno un progetto.

Il progetto definisce infatti il nuovo layout interno, i muri da demolire e quelli da costruire oltre a prevedere e quantificare ogni singolo intervento.

In linea di massima il costo di ristrutturazione per opere interne si aggira sui  € 1000 al metro quadro se l’intervento da eseguire non è troppo radicale.

Se viceversa l’intervento prevede il rifacimento completo degli interni il costo di ristrutturazione può salire a € 1300 al metro quadro e oltre..

Ad influenzare il costo di ristrutturazione al metro quadro saranno le finiture scelte, la tipologia di impianti installati e molti altri dettagli.

Ristrutturazione interni: bonus fiscali


Anche per le ristrutturazione di interni è possibile usufruire dei bonus fiscali.

Come tu già ben saprai si tratta di agevolazioni fiscali concesse dallo Stato per interventi sugli immobili esistenti al fine di renderli più sicuri e più efficienti.

Per maggiori approfondimenti ti suggerisco di leggere la guida ristrutturazioni dell'agenzia delle entrate dove troverai nel dettaglio:
  • elenco dei lavori agevolabili;
  • regole da rispettare per avere le detrazioni;
  • normativa di riferimento.
Ecco le principali agevolazioni che potrai utilizzare per la tua ristrutturazione di interni:

Bonus Ristrutturazioni
Ovvero una detrazione del 50% per le spese di ristrutturazione sostenute fino ad un massimo di 96.000 euro.
 
Ecobonus
Ovvero la detrazione del 65% per lavori di efficientamento energetico con un massimale di spesa di 98.000 euro.
 
Bonus Mobili
Ovvero la detrazione fino all’50%, per spese relative all’acquisto di mobili, fino ad un massimo di 16.000 euro.
Tale bonus è utilizzabile contestualmente alla ristrutturazione degli interni.

Progetto ristrutturazione interni


Il progetto di ristrutturazione d’interni di un immobile determina la nuova distribuzione degli ambienti e degli spazi della casa; affronta questioni di tipo estetico, tecnico ed impiantistico.

Il progetto d’interni si occupa inoltre di definire tutti i materiali di finitura quali pavimenti, rivestimenti dei bagni, sanitari, rubinetteria, colori delle pareti, ecc..

Contemporaneamente prevede la definizione dell’illuminazione e la scelta dei corpi illuminanti, avendo già in mente il tipo di arredamento che si andrà a scegliere per ogni singola stanza.

Nella distribuzione degli spazi si tiene già conto la posizione e il tipo di mobile che si andrà ad inserire, la luce naturale e artificiale che illumina gli ambienti.

Nella ristrutturazione d’interni gli aspetti che si dovranno sempre prendere in considerazione nella stesura del progetto sono le esigenze del committente e le risorse economiche a disposizione. I due fattori uniti alla competenza e creatività dell’architetto, danno vita a case uniche dalle atmosfere eleganti e suggestive.

Di seguito i principali punti dell’iter progettuale da seguire nella ristrutturazione di interni:
  • definizione di un preventivo in funzione del grado di intervento di ristrutturazione d'interni da eseguire;
  • valutazione esigenze e gusti del committente a seguito di un approfondito incontro conoscitivo dove verranno valutate gli aspetti tecnici della ristrutturazione e quelli relativi agli interni;
  • valutazione esigenze e gusti del committente a seguito di un approfondito incontro conoscitivo dove verranno valutate gli aspetti tecnici della ristrutturazione e quelli relativi agli interni;
  • progetto corredato di planimetrie e rendering degli ambienti, tale da far comprendere al committente l'idea complessiva della ristrutturazione d'interni;
  • progetto definitivo corredato di dettagli esecutivi sufficienti a far eseguire l'intervento di ristrutturazione d'interni alle imprese.
Prima di iniziare la progettazione degli interni valuta molto bene quale è il tuo budget di spesa complessivo comprensivo dei lavori e della parcella dell’architetto.


Architetto e Interior designer per la ristrutturazione d'interni


Sia che si tratti di intervenire su di un piccolo appartamento, sia che si tratti di un grosso complesso, questioni tecniche, distribuzione degli spazi, e definizione dell’arredo saranno affidati ad un’unica figura in grado di ottimizzare tutte le scelte.

Nei  progetti di ristrutturazione d'interni infatti non si distingue il lavoro dell’architetto da quello dell’interior designer.

Il lavoro dell'interior designer per un nuovo committente ha sempre come punto di partenza l'approccio psicologico, per capirlo, esplorarlo, valutare le sue esigenze e i suoi desideri.

L'approccio dell'architetto ha come obbiettivo quello di soddisfare le esigenze funzionali e tecniche secondo le esigenze della committenza e, contemporaneamente di conservare il più possibile materiali, spazi ed elementi strutturali che compongono gli edifici, intervenendo sul patrimonio edilizio esistente in maniera attenta alle peculiarità che caratterizzano l’edificio stesso.

Per maggiori approfondimenti leggi la mia guida completa per ristrutturare casa

Filippo Coltro
Filippo Coltro
Architetto e interior designer sono specializzato nella progettazione d'interni di residenze private.
Ho firmato progetti in tutto il mondo, da Hong Kong a Milano, da Padova a Venezia, tutti contraddistinti da una progettualità ricercata, attenta al particolare e alla tradizione, che sa coniugare il gusto della memoria estetica con quello della contemporaneità.
POST CORRELATI
12 ott 2021 Ristrutturare Casa: come fare, costi, tempi, progetti ed esempi

I segreti dell'architetto per ristrutturare casa...

Leggi articolo
11 mag 2019 Ristrutturazione casa prima e dopo

Scopri come è possibile trasformare una casa vedendo il prima e il dopo l’intervento di ristrutturazione…

Leggi articolo
24 dic 2021 Ristrutturazioni chiavi in mano: cosa devi sapere?

Scopri tutto quello che devi sapere sulle ristrutturazioni chiavi in mano...

Leggi articolo
Hai in mente un nuovo progetto? Contattami